L'ARCHITETTURA E' IL GIOCO SAPIENTE, RIGOROSO E MAGNIFICO DEI VOLUMI ASSEMBLATI NELLA LUCE - Le Corbusier
  • Progetto di spazio pubblico a Mantova

    Categoria: Concorsi / Proposte
    Tipologia:
    Anno: 2009

    3°premio
    con Redaelli, Speranza e Sala

     
    Concorso di progettazione di un Centro Culturale aperto a persone con disabilità (Mn) per SIMFER Società Italiana di Medicina Fisica e Riabilitativa, per 12.420 mq coperti 8.500 mq scoperti.

    L’area di progetto

    Abbiamo collocato il progetto in uno di quei luoghi più suggestivi di Mantova intesa come ambiente a metà tra acqua e città: l’ambito di Porto Catena, posto nel margine est del centro storico in affaccio sul lago inferiore dove il “Rio”, prima di confluire nel lago, individua un piccolo porticciolo.Tale area è stata scelta anche perché inserita in una parte di città che comprende già alcune infrastrutture che testimoniano i valori di urbanità del luogo: un centro nautico sportivo, un oratorio con attrezzature sportive ed un’area verde che nelle previsioni di progetto sarà attrezzata per creare un parco “da sentire” e non solo da vedere, un’ambiente da annusare, toccare, maneggiare.
    Il principio generatore della proposta
    Il principio generatore alla base di questa nuova sfida che ha ispirato la nostra proposta progettuale a Mantova considera la disabilità quale sempre più un concetto dinamico e mutevole in grado di coinvolgere ognuno di noi anche per periodi variabili nel corso della nostra vita e non riguarda i soli portatori di handicap in senso stretto. Siamo tutti disabili, in un modo o nell’altro: conseguentemente la città contemporanea e gli edifici di carattere pubblico devono essere pensati in base a questa complessità sociale che è ben altra cosa della banale “messa a norma” e superamento delle barriere architettoniche;
    Obiettivi e fattori di innovazione del progetto
    Abbiamo immaginato un’architettura che sia soprattutto un sistema integrato tra gli spazi dello stare e gli spazi del flusso della città, tentando di dar luogo ad una struttura in cui gli uni si fondano negli altri in completa continuità e fluidità. Il tema dell’accessibilità non può essere esclusivamente delegato all’abbattimento delle così dette barriere architettoniche, ma l’architettura (pubblica) stessa può e deve suggerire agli utenti abili e meno abili il modo in cui muoversi nello spazio. L’architettura non è altro che un dispositivo per avvicinare alle nostre necessità i caratteri aspri dell’ambiente nel quale ci insediamo.

    Programma

    Centro culturale multimediale con:
    Area espositiva e servizi 950 mq (mc 5.700)
    Area Biblioteca, mediateca e servizi 1200mq (mc 6.000)
    Area Bar e servizi 130mq (mc 650)
    Area auditorum/teatro/proiezioni, sale audiovisivi, bar e servizi 3.740mq (2 liv.) (mc 25.000)
    Spazi connettivi (scale, rampe, ascensori) 750 mq
    Aree scoperte, piazza ovest e balconata a est 2500 mq
    Parcheggio coperto 4050 mq (mc 14.875)

    Area verde attrezzata con:

    Area verde_Giardino 6000 mq

    Struttura ludico-sportiva con:

    Area per lo Sport (palestra attrezzata, spogliatoi, uffici gestionali, etc.) 1.650 mq (mc 11.550)

    Risparmio energetico e sostenibilità ambientale

    Per l’intero complesso sono state previste le seguenti predisposizioni per il risparmio energetico:

    • Ventilazione naturale con aria notturna nel periodo estivo per favorire il raffrescamento degli ambienti, approfittando dello scambio termico favorito dalla presenza del lago.
    • Installazione di pannelli solari per il riscaldamento dell’acqua calda (100%) e per l’integrazione del riscaldamento (da 20 al 40%).
    • Installazione di pannelli fotovoltaici per la produzione dell’energia elettrica, che se in eccesso cedibile al fornitore che ha in gestione la distribuzione.
    • Utilizzo di acqua di seconda falda a temperatura costante per raffrescamento estivo dell’edificio mediante l’impianto fan-coi.
    • predisposizione di tubi interrati per il prelievo di aria a temperature pressoché costante nell’arco dell’anno a incrementare i ricambi d’aria delle UTA. Gli stessi tubi potranno essere utilizzati per il prelievo di aria per il raffrescamento mediante l’utilizzo di apposite condutture di distribuzione aria eventualmente da prevedere.
    CONDIVIDI QUESTO PROGETTO SU
    Scroll Up

    Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori Informazioni

    Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

    Chiudi